referaty.sk – Všetko čo študent potrebuje
Izidor
Sobota, 4. apríla 2020
Comunicazione politica nel referendum e nella pubblicità elettorale durante il referendum
Dátum pridania: 14.11.2003 Oznámkuj: 12345
Autor referátu: Rastislav
 
Jazyk: Taliančina Počet slov: 3 490
Referát vhodný pre: Stredná odborná škola Počet A4: 13.3
Priemerná známka: 2.96 Rýchle čítanie: 22m 10s
Pomalé čítanie: 33m 15s
 

La pubblicità e l’informazione per referendum

Il § 53 dalla legge 298/1992 Sb della Costituzione Slovacca, a proposito di pubblicità elettorale, dice così:
1) La pubblicità elettorale si può avere al massimo una durata di 23 giorni e deve cessare 48 ore prima del referendum.
2) Durante la pubblicità elettorale tutti partiti hanno la stessa possibilità di presentarsi nei mass media.
3) I sindaci decidono un luogo unico su cui tutti i partiti possano affiggere i propri manifesti, annunci. Lo spazio è equamente diviso tra i vari partiti.
4) 48 ore prima del referendum, è vietato a tutti i partiti politici di fare qualsiasi forma di pubblicità. (giornale, radio, TV, manifesti, incontri con elettori, attività pubblica).

La campagna elettorale è un momento importante del processo della rappresentanza, è il tempo in cui il candidato si presenta pubblicamente, espone le sue idee e i suoi programmi, e dichiara in che modo intende rappresentare, se eletto, la volontà popolare. Questo carattere di pubblicità sta alla base di tutta l’attività di comunicazione tra i partiti, i candidati e l’elettorato: l’arena politica in cui essi si confrontano e lottano è per definizione un luogo aperto in cui gli astanti possono vedere e tifare per i giocatori, fare i paragoni e decidere quali sono i più bravi. 2.1. Apertura di pubblicità elettorale

La pubblicità elettorale è stata dichiarata aperta il 23. aprile 2003 a Bratislava, città capitale della Slovacchia. L'apertura è stata proclamata dal primo ministro slovacco Mikuláš Dzurinda con l‘ambasciatore dell’EU nella Repubblica Slovacca, Eric van der Linden.
I primi giorni di pubblicità elettorale sono stati abbastanza tranquilli. I capi dei partiti della coalizione di governo così come quelli dell'opposizione hanno fatto passeggiate fra la gente e hanno distribuito tanti manifesti, penne, borse di plastica ed altri gadgets pubblicitari.

2.2. Pubblicità in TV

Ogni giorno prima di TG e andato in onda uno spot pubblicitario sul referendum. Gli spot erano brevi, circa di 20 – 25 secondi.
Dal punto di vista delle immagini erano ben fatti; tuttavia era strano sentire la voce assai poco professionale degli speakers. Sembravano voci prese dalla strada. Probabilmente si è trattato di una ben precisa scelta stilistica: far parlare la gente comune era un chiaro appello a sentire il referendum come una cosa "comune", di tutti, e che tutti sono protagonisti del referendum poiché si ha la possibilità di decidere in che direzione dirigere il futuro della Slovacchia.
Il linguaggio degli spot era semplice. Sullo schermo televisivo in basso a destra c'era il logo del referendum. Ogni spot aveva un proprio messaggio verbale. Tuttavia il claim era sempre lo stesso: “Vieni anche tu votare al referendum per entrare nell’Europa Unica.
 
späť späť   2  |  3  |   4  |  5  |  6  |  ďalej ďalej
 
Zdroje: Costituzione Slovacca, legge 298/1992 Sb, MAZZOLENI GIANPIETRO, La comunicazione politica, Mulino, Bologna, 1998, Mie osservazioni durante le vacanze di Pasqua, Media in Slovacchia, Internet
Copyright © 1999-2019 News and Media Holding, a.s.
Všetky práva vyhradené. Publikovanie alebo šírenie obsahu je zakázané bez predchádzajúceho súhlasu.